FESTA DI SANTA LUCIA (13 dicembre)

Santa Lucia nacque a Siracusa nel 283 d.C. e morì martire, il 13 dicembre 304 d.C.

La sua festa liturgica è il 13 dicembre, in prossimità del solstizio d’inverno e per questo motivo si dice:
«Santa Lucia il giorno più corto che ci sia».

Santa Lucia è la protettrice degli occhi, degli oculisti e degli elettricisti, e viene spesso invocata per portare guarigione alle persone che hanno un’apparenza, una manifestazione di malattia agli occhi.

In varie province del Nord Italia, come Verona, Brescia e Bergamo, il giorno di Santa Lucia è atteso con molta gioia dai bambini perché la Santa, in groppa al suo asinello e seguita dal cocchiere Castaldo, porta doni ai più piccini.

Qualche giorno prima della festa, i bambini scrivono a Santa Lucia una lettera in cui Le chiedono i regali che vorrebbero ricevere, perché sono stati buoni e meritevoli durante tutto l’anno.

In cambio dei regali, nella notte tra il 12 e il 13 dicembre, i bambini lasciano un piatto di farina per l’asinello, una tazza di caffè per Santa Lucia e un pezzetto di pane per Castaldo ma anche biscotti, vino, arance, fieno…

Santa Lucia, quando arriva, è sempre attenta a non farsi vedere e, se qualche bambino cerca di stare sveglio per scorgerLa, si dice che la Santa butti una manciata di cenere negli occhi dei curiosi.

Al mattino del 13 dicembre i bambini troveranno dolci, caramelle, cioccolato e i doni che hanno richiesto.

Santa Lucia è la Santa della Luce. Possiamo decretare:

«Nel nome della Divina Presenza di Dio IO SONO,

Amata Santa Lucia, porta la Luce nella mia Vita!

IO SONO la Luce di Santa Lucia».

Presso dal libro: Significato Metafisico del Natale – Ed. Italica – Raul Micieli

Condividi il post con i tuoi amici